“Durante la pandemia 9 italiani su 10 hanno scelto di salvare il cibo dagli sprechi per il loro impegno sostenibile Quindi il 94% degli italiani si e’ dimostrato sensibile alla lotta allo spreco alimentare”.

Questo il dato che emerge dalle anticipazioni del report stilato da Waste watcher international che verra’ presentato tramite un forum online il 5 febbraio, giornata nazionale di prevenzione dello spreco alimentare, al quale parteciperà anche il ministro dell’Ambiente Sergio Costa.

“Nel 2020- si legge in una nota diffusa dall’Osservatorio ideato da Andrea Segrè- cresce anche la propensione per la raccolta differenziata. Il 92% degli italiani, infatti, e’ sensibile a questo tema. Malissimo, invece, i troppi rifiuti da imballaggi e mascherine che hanno visto un aumento del 57%”, aggiunge il rapporto.

Inoltre conclude il comunicato ”gli italiani sono divisi a metà sugli effetti generati dalle restrizioni. Per il 49% e’ stato un bene aver ridotto i viaggi e gli spostamenti aerei, il 34% si ritiene soddisfatto per l’attenzione dedicata al benessere e alla salute. Fra le ricadute negative l‘aumento dei rifiuti a causa delle troppe mascherine e l’aumento dello shopping online che ha generato un eccessivo movimento di corrieri e troppi imballaggi”,

AGC GreenCom 2 Febbraio 2021 12:07