domenica, Settembre 19, 2021
HomeEnergiaRussia estende nuovo accordo Start con Usa su armi nucleari

Russia estende nuovo accordo Start con Usa su armi nucleari

L’estensione del nuovo Start concordata da Mosca e Washington dovrebbe essere considerato ”un successo per tutta l’umanità”. Lo ha affermato il portavoce del Cremlino Dimitri Peskov, sottolineando che si tratta anche di un successo per la diplomazia russa e di un traguardo ottenuto grazie agli sforzi del presidente Vladimir Putin, che venerdì ha firmato la legge sulla ratifica dell’accordo che estende per 5 anni il nuovo trattato sulla riduzione delle armi strategiche con gli Stati Uniti.

Il primo trattato Start fu firmato nel 1991 dagli allora leader degli Stati Uniti e dell’Unione Sovietica, George H.W. Bush e Mikhail Gorbaciov. Nell’aprile 2010 l’accordo è stato sostituito dal nuovo trattato Start, firmato dai presidenti Barack Obama e Dimitri Medvedev.

“Probabilmente, questo dovrebbe essere considerato come il successo di tutta l’umanità. È una questione che preoccupava tutti – ha dichiarato Peskov in un’intervista all’emittente Rossiya 1 – E, naturalmente, questo è il successo della nostra diplomazia e personalmente del presidente, il quale ha sostenuto come questo documento sia fondamentale, e ora, purtroppo, anche l’unico rimasto che ci permette di tenere sotto controllo il potenziale offensivo strategico dei due paesi”. 

Martedì il Cremlino ha riferito di una telefonata tra il Putin ed il presidente degli Stati Uniti Joe Biden, nel quale hanno discusso la volontà di entrambi i paesi di ottenere una proroga di cinque anni dell’accordo.

La Casa Bianca ha sottolineato dal canto suo che entrambi i leader “hanno discusso la volontà di entrambi i paesi di estendere il Nuovo Start per cinque anni e hanno convenuto che i team diplomatici dovranno lavorare urgentemente per completare l’estensione prima del 5 febbraio”.

Il New Start è in vigore dal 2011 e scadrà il 5 febbraio. È l’unico accordo legalmente vincolante sul controllo degli armamenti nucleari tra Russia e Usa, i due Paesi che possiedono il maggior numero di armi nucleari nel mondo. L’accordo si basa sulla proposta che ciascuna parte riduca il proprio arsenale nucleare a 700 missili, 1.550 testate e 800 vettori.

Giuliano Longo
Direzione editoriale l'Unità, commissione parlamentare legge editoria 1980. CDA Sipra rai. Direzione comunicazione PCI. Amministratore delegato Paese Sera quotidiano. Direzione editoriale quotidiano Liberazione. Editore di Time out Roma. No Limits supplemento de l'Unità. Direttore editoriale free Press Cinque giorni successivamente Cinque Quotidiano
RELATED ARTICLES

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Most Popular

Recent Comments