21.2 C
New York
mercoledì, Agosto 17, 2022
spot_img

Life Delfi, le squadre di soccorso per i cetacei in difficoltà

I cetacei sono tra le specie più vulnerabili presenti nel mare, correndo continuamente il rischio di restare spiaggiati, impigliati o accidentalmente catturati nelle reti da pesca.

Per questo nasce Life Delfi, iniziativa che grazie alla partnership con il Cert dell’Università di Padova punta alla creazione di squadre di soccorso a tutti gli effetti, usufruendo anche dei finanziamenti del programma Life della Commissione Europea. Esso è coordinato dal Consiglio Nazionale delle Ricerche (Cnr – Irbim), assieme a Legambiente Onlus, Filicudi Wildlife Conservation, Blue World Institute Marine Research (Croazia), Università di Padova, Università di Siena e le Aree Marine protette di Punta Campanella, Isole Egadi, Torre del Cerrano, Tavolara Punta Coda Cavallo.

Il gruppo è stato coinvolto in diverse operazioni, come quella di soccorso assieme alla Guardia Costiera dei capodogli impigliati in un groviglio di reti da pesca alle Eolie, oppure quella che ha portato alla necroscopia guidata dal Cert con gli Istituti Zooprofilattici competenti della balenottera comune spiaggiata a Sorrento, a cui seguirà l’esposizione museale del suo scheletro con l’aiuto di Amp Punta Campanella.

Alessandro Lucchetti (Cnr-Irbim), coordinatore del progetto Life Delfi, illustra così il piano: “I rescue team sono delle squadre di intervento che, dopo aver seguito un apposito percorso di formazione, saranno costituite per liberare e soccorrere delfini o altri cetacei in difficoltà a causa delle interazioni con le attività e gli attrezzi da pesca”.

Inoltre, a seguito della suddetta preparazione, Sandro Mazzariol, professore dell’Università di Padova, dichiara che “saremo pronti ad istituire i rescue team e a richiedere le autorizzazioni agli organi competenti in modo tale da renderli delle vere e proprie sentinelle che potranno integrarsi nella Rete Spiaggiamenti Nazionale, coadiuvando le squadre specializzate della Guardia Costiera nelle operazioni di soccorso dei cetacei in difficoltà e gli altri Enti competenti negli spiaggiamenti come nel caso della balena a Sorrento”.

Le norme internazionali di soccorso marittimo sono state trasposte in un manuale, “Linee Guida per le procedure di gestione e liberazione di delfini impigliati nelle reti da pesca o pescati accidentalmente”, che Life Delfi illustrerà anche ai pescatori in appositi corsi formativi per prepararli riguardo alle procedure da compiere in caso di cattura involontaria di questi animali. Con i pescatori, inoltre, i partner di Life Delfi hanno avviato un sondaggio per captare le loro esigenze e ridurre possibili danni ai delfini e allo stesso settore della pesca. I pescatori che hanno risposto al questionario, tra 70 marinerie in 9 regioni italiane e croate, sono oltre 200, e i risultati saranno disponibili nelle prossime settimane.

Un piano certamente ambizioso, che punta alla creazione di un vero e proprio corpo di soccorso per i cetacei, e che sembra già godere di supporto da più parti.

Foto Life Delfi

Articoli Correlati

Stay Connected

0FansLike
0SubscribersSubscribe
- Advertisement -spot_img

Ultimi Articoli