La Royal Navy insiste che la donna stata scoperta a Yeovilton, nel Somerset, non è una spia, ma gli altri marinai temono che possa aver attirato il suo amante in una trappola per segreti operativi.

Una possibile “spia” donna si era nascosta seminuda in un armadio per due settimane in una base della Marina delle forze speciali prima che i gli ufficiali  la scoprissero. Un tecnico aeronautico ha cercato di mantenere segreta la sua presenza affiggendo un cartello sulla sua porta che diceva: “Non entrare, cura la tua  pulizia”.

Reclami sull’odore hanno portato una squadra di sottufficiali a farsi strada nella sua stanza dove l’hanno trovata rannicchiata dietro la tuta del suo amante.

La polizia militare l’ha scortata dalla base di Yeovilton, nel Somerset, e ha lasciato immediatamente il Regno Unito. Il suo amante insiste nel dire che lei è la sua ragazza e non una spia cinese, ma i suoi compagni marinai temono che lei possa averlo attirato in una trappola per scoprire segreti operativi.

Una fonte della sicurezza ha detto al Sun: “Ha tutte le caratteristiche di un honeytrap e i capi della Marina non potevano permettersi di correre rischi”.

Una fonte della Marina ha aggiunto: “Era una cittadina straniera non autorizzata nella proprietà del Ministero della Difesa. È una violazione sorprendente e terrificante pensare a cosa avrebbe potuto accedere “. La donna non è cittadina cinese ma è nata in Estremo Oriente e possiede un passaporto olandese.

Il tecnico aeronautico è stato ridicolizzato dagli amici, ma potrebbe rischiare il carcere per la grave violazione. Afferma di aver incontrato la donna durante le vacanze nel 2019. L’ha portata di nascosto nel campo nel bagagliaio della macchina quando è tornato dalle ferie natalizie. La scoperta shock arriva in un momento in cui le relazioni tra Regno Unito e Cina sono particolarmente tese.

Il capo dell’MI5, servizio di spionaggio britannico,  ha promesso di fare di più per contrastare la minaccia di Pechino. Aggiungendo ”la Royal Navy prende molto seriamente qualsiasi violazione della sicurezza o delle linee guida COVID”, ha detto il portavoce.

La base ospita più di 100 velivoli operati da unità di addestramento e squadroni di prima linea, tra cui la Fleet Air Arm Wildcat Force e la Commando Helicopter Force. Secondo il sito web della Royal Navy, nel sito sono impiegati circa 4.300 tra personale, servizi e civili, inclusi dipendenti del Ministero della Difesa e appaltatori a tempo indeterminato. Ospita anche la Scuola di controllo dei combattenti della Marina, la School of Aircraft Control, l’addestratore per la fuga subacquea in elicottero e il team e gli aerei della Royal Navy Historic Flight.

AGC GreenCom 22 Gennaio 2021 15:52