Da domenica 24 gennaio la Francia introduce l’obbligo del test molecolare per i viaggiatori europei che entrano nel suo territorio. Lo ha reso noto l’Eliseo. Il test, che certifica la negatività al coronavirus, dovrà essere svolto nelle 72 ore che precedono la partenza.

Saranno esclusi dalla disposizione i viaggi “essenziali” e ne saranno esentati i lavoratori frontalieri e i trasporti via terra.

Medesimo obbligo la Francia aveva introdotto il 14 scorso per i viaggiatori provenienti da Paesi extra-Ue.

Questa decisione fa parte della raccomandazione adottata dal Consiglio il 13 ottobre, volta a “adottare misure sanitarie più restrittive garantendo nel contempo il corretto funzionamento del mercato interno ” .

Le Figaro riporta inoltre che negli ultimi mesi, molte imprese private g hanno immaginato certificati sanitari digitali che potrebbero presto diventare essenziali per viaggiare da un paese all’altro . Nell’era del Covid-19, i governi e le parti interessate del turismo stanno esaminando questa soluzione per riavviare i viaggi internazionali. ” Queste entità anticipano diversi scenari di leggi nazionali, che diventeranno più chiari nelle prossime settimane o mesi a seconda del Paese “, analizza l’avvocato Guy-Pierre Caron, specialista in diritto del trasporto aereo.

AGC GreenCom 22 Gennaio 2021 9:32