Si profila un confronto tra Regione Lombardia e l’associazione Lombardia Aerospace Cluster, rappresentante il sistema aerospaziale lombardo e oltre 220 aziende che gli orbitano attorno – le quali contano circa 16.000 addetti –, al fine di trovare possibili aree di sviluppo per progetti innovativi e al top della tecnologia da compiere insieme entro i Giochi olimpici invernali del 2026 ed in seguito. Questo è quanto è stato annunciato nella giunta regionale di oggi dalla Presidenza con un’informativa redatta da Antonio Rossi, sottosegretario allo Sport, Olimpiadi 2026 e Grandi eventi, e Alan Rizzi, sottosegretario ai Rapporti con le delegazioni internazionali.

Mobilità sostenibile, guida autonoma, big data, intelligenza artificiale, controllo della sicurezza del territorio usando anche assetti spaziali e telemedicina sono solo alcuni degli aspetti che riguarderanno questa cooperazione. Il tutto ovviamente cercando di coinvolgere gli enti locali dell’intera Lombardia, e che potrebbero rivelarsi importanti per lo sviluppo di una delle Regioni leader d’Italia, nella sua veste di polo industriale e tecnologico del nostro Paese.

Oltre alla collaborazione con Lombardia Aerospace Cluster, i sottosegretari alla Presidenza Rossi e Rizzi s’impegneranno nei prossimi mesi per intrecciare rapporti in quest’ambito con le Direzioni Generali, la Fondazione Milano-Cortina e qualsiasi soggetto competente in materia, inclusi i Ministeri nazionali.

Si profila dunque una grande occasione per la Lombardia, che può sfruttare la risonanza di un evento come quello delle Olimpiadi invernali per attirare grandi opportunità al livello economico e tecnologico.

Foto MilanoCortina2026

AGC GreenCom 18 Gennaio 2021 19:59