“Un’altra grande notizia per l’Italia, per la Campania e per le lavoratrici e i lavoratori che da mesi attendono risposte. Un piano industriale che coinvolgerà 675 persone, di cui 175 ex dipendenti Whirlpool. Rinasce l’area ex Whirlpool di Teverola con il polo delle batterie al litio. Nonostante qualcuno abbia voluto una crisi di governo irresponsabile, noi continuiamo a lavorare duramente per il Paese, le imprese e i cittadini”: questo è quanto detto dalla sottosegretaria allo Sviluppo Economico Alessandra Todde riguardo il rilancio dell’area ex Whirlpool di Teverola.

“Una Gigafactory rappresenta un ingresso nel futuro ed è un investimento per creare una nuova filiera produttiva in un settore trainante come quello della mobilità elettrica. È una opportunità di sviluppo importante per il territorio campano ed è frutto di un duro condiviso con il ministro Stefano Patuanelli e tutto il Mise”, continua Todde: “L’obiettivo è creare una filiera ed un centro di riferimento tecnologico per la produzione di batterie al litio, ampliando il sito originario del 1° stabilimento italiano per la produzione di celle e moduli al litio, ovvero, lo stabilimento di Teverola 1 che ha richiesto 60 milioni di euro di investimenti. Per questa operazione è già stato completato il collaudo e sarà avviato a regime entro il primo trimestre 2021”.

Una riqualificazione di un’area un tempo vitale dal punto di vista industriale, con l’obiettivo di proiettare l’Italia verso il domani, rappresentato dalle energie alternative, salvando inoltre dei posti di lavoro: un piano ambizioso che potrebbe rivelarsi un punto di svolta per il nostro Paese.

Foto Ministero dello Sviluppo Economico

AGC GreenCom 17 Gennaio 2021 19:16