La Cina ha presentato un nuovo prototipo di treno di tipo Maglev (trasporto a levitazione magnetica), in grado di raggiungere velocità fino a 620 chilometri orari.

I ricercatori della Southwest Jiaotong University hanno presentato il loro lavoro su un tracciato di prova di 165 metri situato nella città di Chengdu, nel sud-ovest della Cina. La velocità massima del treno è probabilmente la più veloce di tutti i veicoli a terra ed è vicina alla velocità di alcuni aerei, riferiscono i media locali. Tuttavia, gli sviluppatori stanno lavorando per incrementarla fino a 800 chilometri all’ora.

La Cina ha già il servizio di levitazione magnetica commerciale più veloce al mondo, Shanghai Transrapid, che opera con una velocità massima di 430 chilometri all’ora ed è stato inaugurato nel 2002. Tuttavia, il nuovo treno Maglev fa parte di un piano del Governo per creare collegamenti ancora più veloci tra le città cinesi.

Il nuovo progetto sarà basato sulla tecnologia dei superconduttori, affermano gli sviluppatori. La superconduttività si verifica quando la resistenza elettrica si avvicina allo zero durante il raffreddamento a temperature molto basse. Lo stato superconduttore sarebbe la chiave per supportare veicoli Maglev più veloci ed efficienti, spiegano gli specialisti.

Il progetto cinese sarebbe un serio rivale per una linea di levitazione magnetica che dovrebbe aprire in Giappone tra Tokyo e Nagoya nel 2027. Tuttavia, i ricercatori di Chengdu affermano che la sua tecnologia sarà molto più economica, poiché non utilizza l’elio come la sua controparte giapponese per raggiungere le basse temperature necessarie per creare lo stato di superconduttore.

“L’elio liquido è molto costoso. Qui otteniamo la superconduttività a una temperatura leggermente superiore utilizzando azoto liquido, e questo riduce il costo a un cinquantesimo”, spiega Deng Zigang, ricercatore presso il Key State Laboratory for Traction Power at Southwest Jiaotong University, citata da The South China Morning Post.

Inoltre, il prototipo cinese utilizza fibra di carbonio e pesa circa la metà dei treni ad alta velocità classici.

Il costo stimato per la costruzione di una nuova linea di levitazione magnetica, nel frattempo, sarebbe compreso tra 38 milioni e 46 milioni di dollari al chilometro, rispetto ai 31 milioni di dollari al chilometro per i binari di un treno ad alta velocità, secondo Wu Zili, l’ingegnere a capo del progetto.

I ricercatori ammettono che ci sono ancora problemi da risolvere prima che la nuova tecnologia diventi commercialmente praticabile, osservando che il processo potrebbe richiedere circa sei anni.

Foto China Railway Rolling Stock Corporation (CRRC)

AGC GreenCom 17 Gennaio 2021 12:24