Oggi si è completata la fusione tra FCA e Groupe PSA, dando vita alla società Stellantis, che si pone come quarto produttore di auto mondiale con un fatturato di 180 miliardi e vantante 15 marchi quali Peugeot, Citroën, Opel, Vauxhall, Fiat, Jeep, Chrysler Ram, Lancia e Alfa Romeo. Una vera e propria rivoluzione nel mondo dell’automobilismo, con la nascita di un colosso avente tra le sue fila un gran numero di case automobilistiche prestigiose.

Il debutto in Borsa avverrà la settimana prossima: lunedì a Parigi e Milano, martedì a New York. Il simbolo “Stla” caratterizzerà le azioni ordinarie di Stellantis. A presenziare la cerimonia di suono della campanella, che sarà tenuta a distanza a causa delle norme anti-Covid, in tutte e due le giornate l’ingresso nei mercati saranno il Presidente e il CEO di Stellantis, rispettivamente John Elkann e Carlo Tavares. FCA, uscita ieri da Piazza Affari, pagherà ai suoi azionisti un dividendo straordinario di 1,84 euro legato alla fusione. Inoltre Exor, la holding della famiglia Agnelli con partecipazioni anche in Juventus Football Club, GEDI Gruppo Editoriale, The Economist Group e Ferrari, deterrà il 14,4% delle azioni di Stellantis.

Martedì 19 gennaio il CEO Tavares presenterà ad una conferenza stampa il nuovo gruppo, parlando anche dei suoi futuri obiettivi in un incontro intitolato “Stellantis, un leader mondiale nella mobilità sostenibile”.

Foto Stellantis

AGC GreenCom 16 Gennaio 2021 20:09