Il governo fa sapere a Lega e Forza Italia che le fermate alta velocità a Desenzano del Garda (Brescia), ridotte da dieci a sei dallo scorso luglio, resteranno in tal numero fino a quando non si sarà conclusa, o quantomeno attenuata, l’emergenza sanitaria.

Lo afferma il sottosegretario ai Trasporti Roberto Traversi, nella risposta a due distinte interrogazioni, una presentata dal deputato leghista Paolo Formentini, e la seconda illustrata dall’azzurra Maria Stella Gelmini. Entrambe chiedevano interventi del governo per far si che venissero ripristinati i collegamenti tra la cittadina in provincia di Brescia e il capoluogo lombardo, in modo tale da ‘lenire’ le difficoltà di questo periodo per i molti pendolari che abitualmente frequentano la tratta.

“In considerazione dell’incremento della diffusione del virus Covid-19 e in coerenza con le misure di contenimento adottate dal Governo, è stato necessario procedere ad una riprogrammazione dei servizi che hanno comportato la riduzione sull’intero territorio nazionale dell’offerta dei servizi Alta Velocità e, dunque- sottolinea Traversi nella risposta- anche del numero delle Frecce con fermata nella stazione di Desenzano del Garda“.

A decorrere dal 13 dicembre 2020 e con l’entrata in vigore dell’orario invernale, “le fermate effettuate nella stazione di Desenzano sono 6 al giorno”, e, “così come già avvenuto nello scorso 2020”, Traversi afferma che Trenitalia “provvederà a rimodulare il volume dell’attuale offerta in considerazione dell’andamento dell’emergenza epidemiologica”.

AGC GreenCom 13 Gennaio 2021 13:07