La compagnia russa S7 Airlines torna in Puglia. Dal prossimo 5 marzo l’aerolinea riprenderà a volare da Bari a Mosca, aeroporto Domodedovo. Il collegamento di linea avrà inizialmente frequenza settimanale, ogni venerdì, e verrà operato con un aeromobile B737-800 in configurazione Business e Economy.

L’aereo partirà da Mosca alle 07:40 per arrivare allo scalo Karol Woitja alle 09:20. Dopo un’ora e dieci minuti di sosta sullo scalo pugliese, il B737-800 decollerà alle 10:10 per atterrare nella Capitale della Russia alle 14:50.

“Il legame tra la Puglia e la Russia, che affonda le radici nei legami storici e religiosi nel nome di San Nicola – ha dichiarato il Presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano – e oggi si rinnova nell’amicizia tra i nostri popoli, nel comune spirito di accoglienza e solidarietà. Un’amicizia segnata da momenti di straordinaria condivisione e di sostegno reciproco. La ripresa del volo diretto, che mi auguro coincida con un allentamento della morsa in cui la pandemia ci sta costringendo, non potrà che rafforzare i sentimenti autentici che da sempre ci uniscono e che sono alla base delle nostre relazioni istituzionali, sociali, culturali ed economiche”.

Sull’importanza della decisione del vettore russo di riprendere il collegamento diretto Bari-Mosca si è soffermato il Presidente di Aeroporti di Puglia, Tiziano Onesti. “Il 2020 ha rappresentato uno degli anni più difficili nella storia del trasporto aereo – ha commentato Onesti – e in questo contesto, tuttavia, l’anno si è chiuso all’insegna della fiducia che deve indurci a guardare con ottimismo alla ripresa dei voli. Una ripresa che non può prescindere dal lavoro comune lungo direttrici di sviluppo lungimiranti e ponderate”.

“Solo operando uniti – ha proseguito il Presidente AdP – sarà infatti possibile riannodare le fila delle nostre strategie di crescita che la pandemia ci ha imposto di rimodulare. Con grande impegno e con il sostegno della Regione Puglia lavoriamo ad un network sempre più competitivo verso nuove destinazioni internazionali, tra le quali Mosca rappresenta senza dubbio una delle più importanti. Lo è per motivazioni non solo economiche, ma anche culturali e sociali che da sempre uniscono queste terre. Possiamo guardare con fiducia alla ripresa dei collegamenti da un’area con importanti potenzialità di crescita che guarda da sempre con interesse alla destinazione Puglia”.

A causa delle attuali restrizioni dovute alla pandemia, l’imbarco sui voli sarà disponibile solo per determinate categorie di passeggeri. In particolare i cittadini italiani, oltre a un visto di ingresso in Russia rilasciato per motivi di lavoro, salute o familiare, dovranno disporre di un certificato di negatività (tampone negativo) rilasciato non oltre 72 ore prima del viaggio. Tampone redatto in lingua inglese o russa.

Foto Adp

AGC GreenCom 12 Gennaio 2021 13:58