I funzionari Adm (Agenzia delle Dogane)  in servizio presso la Stazione Marittima del porto di Bari, durante i controlli ordinari sui viaggiatori e sulle merci in arrivo e partenza dall’Albania, ha bloccato nel corso dell’anno appena trascorso 221 tentativi fraudolenti di aggirare l’obbligo di dichiarazione in dogana del denaro contante, 33 in importazione e ben 188 in esportazione, per un valore cumulativo pari a 3,5 milioni di euro.

Nonostante la sensibile riduzione del traffico passeggeri causata dall’emergenza pandemica da Covid-19, il risultato ottenuto nell’anno 2020 risulta superiore rispetto a quello dell’anno precedente, a testimonianza dell’efficacia del rafforzato presidio presso lo scalo portuale del capoluogo pugliese adottato dall’autorità doganale, in sinergia con i militari della Guardia di Finanza.

Attraverso le sanzioni emesse ai sensi della normativa vigente, sono stati immediatamente incamerati nelle casse dello Stato 185.000 euro, a fronte del pagamento di quanto dovuto da parte dei trasgressori. 

Foto Autorità Portuale del Mare Adriatico

AGC GreenCom 11 Gennaio 2021 11:07