Cinque regioni zona arancione, almeno fino al 15 gennaio quando scade il dpcm attualmente in vigore, che impone divieto di mobilità tra le regioni. Questa la prima regola a cui attenersi, non solo in questi giorni ma anche dall′11 gennaio al 15 gennaio. Che la regione sia collocata in fascia gialla o arancione poco cambia: si potrà uscire dai confini regionali solo per ragioni di necessità, salute e lavoro. Coprifuoco alle 22 per tutti.

Differenze di colore dopo l’ultimo monitoraggio Iss, per Calabria, Emilia Romagna, Lombardia, Sicilia e Veneto che saranno arancioni  per quanto riguarda gli esercizi commerciali.

In zona gialla tutti aperti, ma i bar e i ristoranti chiudono alle 18. Dopo quell’ora saranno attivi solo l’asporto e le consegne a domicilio.

Nelle regioni arancioni, invece, i bar non potranno essere aperti al pubblico. Resta attivo il delivery e l’asporto.

Restrizioni anche per gli spostamenti, anche se intraregionali. In area arancione non ci si potrà muovere dal proprio comune. Faranno ancora eccezione i comuni al di sotto dei 5.000 abitanti. I residenti di questi centri potranno spostarsi, pur non allontanarsi più di 30 chilometri (anche sconfinando fuori regione). E sarà vietato per loro raggiungere il capoluogo di provincia.

AGC GreenCom 9 Gennaio 2021 17:26