Il Regno Unito introduce test obbligatori sul covid per tutti gli arrivi internazionali nel tentativo di frenare la diffusione di nuove varianti di virus.

Lo ha annunciato il dipartimento dei Trasporti. A partire dall’inizio della prossima settimana, tutti i viaggiatori provenienti dall’estero saranno tenuti a presentare un test negativo fino a 72 ore prima della loro partenza. I passeggeri che non rispettano la norma dovranno pagare una multa di 500 sterline.

“Con lo sviluppo di nuovi ceppi del virus a livello internazionale dobbiamo prendere ulteriori precauzioni”, ha detto il segretario ai Trasporti, Grant Shapps.”Insieme all’attuale periodo di autoisolamento obbligatorio per i passeggeri di ritorno dai Paesi ad alto rischio – ha aggiunto – i test pre-partenza forniranno un’ulteriore linea di difesa”.

L’annuncio segue la recente decisione di sospendere temporaneamente il viaggio diretto dal Sudafrica all’Inghilterra.

La Gran Bretagna si è scontrata con una nuova variante del coronavirus individuata per la prima volta nel Paese a dicembre, che secondo le autorità è dal 50 al 70%  più  trasmissibile. Decine di nazioni in tutto il mondo hanno bloccato i viaggi aerei dal Regno Unito nel tentativo di contenere il ceppo del virus.

La Gran Bretagna è entrata in un rigido lockdown con scuole e negozi non essenziali chiusi per almeno sei settimane dopo che le misure precedenti non sono riuscite a fermare il ripido aumento dei casi.

In base alle nuove regole di viaggio per gli arrivi in Inghilterra, tutti i passeggeri in arrivo da paesi non inclusi nella lista dei corridoi di viaggio del governo saranno comunque tenuti ad autoisolarsi per dieci giorni, indipendentemente dal risultato del test di Covid. 

AGC GreenCom 8 Gennaio 2021 9:12