E’di 4 morti, 3 feriti gravi, 14 feriti fra la polizia   52 arresti di cui 26 all’interno di Capitol Hill, questo il bilancio dell’assalto dei sostenitori di Trump al senato USA. Fra gli arrestati 4   per possesso di pistole senza licenza e un’altra persona è stata arrestata per possesso di armi proibite. Le autorità hanno anche recuperato una bomba artigianale dal Comitato nazionale democratico e un’altra bomba dal Comitato nazionale repubblicano.

E’ stato un agente di polizia a sparare e uccidere la prima vittima degli scontri di ieri al Congresso, una donna, Ashli Babbitt. Il capo della polizia ha spiegato che si trattava di una militare in congedo colpita all’interno della sede del Congresso, mentre si arrampicava su una finestre.

La sindaca di Washington D.C, Muriel Bowser, ha deciso di estendere lo stato di emergenza, compreso quindi il coprifuoco serale proclamato alle 18 di ieri dopo l’assalto   per 15 giorni fino al giorno dopo l'”inauguration day” in cui il presidente eletto Joe Biden si insedierà alla Casa Bianca.

“Le proteste di oggi sono degenerate nella violenza – ha detto Bowser – Molti dei manifestanti sono arrivati armati e con l’obiettivo di compiere atti di violenza, utilizzando sostanze irritanti, mattoni, bottiglie, ma anche armi da fuoco. Hanno violato la sicurezza del Campidoglio per interrompere la procedura di certificazione dei risultati elettorali”.

Anche nei prossimi 15 giorni, quindi, nella capitale Usa sarà vietato uscire di casa dopo le 18.

I parlamentari Usa hanno promesso di aprire un’indagine su come le forze dell’ordine hanno gestito il violento assalto al Campidoglio da parte dei sostenitori di Trump, chiedendosi se una mancanza di preparazione abbia permesso alla folla di occupare e vandalizzare l’edificio.

La polizia del Campidoglio degli Stati Uniti, incaricata di proteggere il Congresso, si è rivolta ad altre forze dell’ordine per chiedere aiuto con la folla che ha travolto il complesso e ha costretto i legislatori a nascondersi.

Sia le forze dell’ordine che i sostenitori di Trump hanno dispiegato sostanze irritanti chimiche durante le ore di occupazione del complesso prima che fosse sgomberato mercoledì sera.

Secondo l’autorevole quotidiano Washington Post  ”Il rifiuto del presidente Trump di accettare la sconfitta elettorale e l’implacabile incitamento ai suoi sostenitori hanno portato all’impensabile: un assalto al Campidoglio degli Stati Uniti da parte di una folla violenta che ha travolto la polizia e ha cacciato il Congresso mentre discuteva il conteggio dei voti elettorali”. Prosegue l’editoriale ”la responsabilità di questo atto di sedizione è direttamente del Presidente, che ha dimostrato che il suo mandato in carica rappresenta una grave minaccia per la democrazia degli Stati Uniti. Dovrebbe essere rimosso” in quanto ”non è idoneo a rimanere in carica per i prossimi 14 giorni”.

Secondo il ‘Washington Post’ ”ogni secondo in cui mantiene i vasti poteri della presidenza è una minaccia per l’ordine pubblico e la sicurezza nazionale. Il vicepresidente Pence, che ha dovuto essere portato via dall’aula del Senato per la propria protezione, dovrebbe immediatamente riunire il gabinetto per invocare il 25° emendamento, dichiarando che il signor Trump è ‘incapace di adempiere ai poteri e ai doveri del suo ufficio”’.

AGC GreenCom 7 Gennaio 2021 7:54