Dati negativi sul fronte dell’automobilismo dal Giappone: -11,5% d’immatricolazioni rispetto al 2019. Il quadro tracciato dalla Japan Automobile Dealers Association e dalla Japan Mini Vehicles Association è quello di un settore in crisi, con soli 4.598.615 nuovi veicoli immatricolati. Un crollo che non si vedeva dal 2011, anno dei terribili disastri naturali che hanno colpito il Paese del Sol Levante.

La crisi pandemica e quella economica conseguente hanno evidentemente posto un freno all’automotive, con Toyota Motor Corp. che ha segnato una perdita del 5,8% nelle vendite interne a fine 2020, mentre Nissan Motor Co. è a -27,5% rispetto al 2019. Ancora peggio è andata a Mitsubishi Motors Corp., che ha registrato un calo del 41,3%.

AGC GreenCom 6 Gennaio 2021 15:09