Una delle più importi compagnie aeree degli Stati Uniti e del mondo intero, American Airlines, ha annunciato imminenti modifiche alle proprie politiche e procedure per i viaggi con animali di supporto emotivo e animali di servizio. Provvedimento in linea con le normative recentemente emesse dal Dipartimento dei Trasporti (DOT) degli Stati Uniti.

Vengono chiamati emotional support animals o ESA (animali di supporto emozionale) e sono cani, gatti, caprette, persino maiali che aiutano a superare ansie e paure in determinate occasioni: un volo intercontinentale, l’approccio con l’acqua, un intervento in ospedale, e così via. Non sono considerati animali di servizio o animali da terapia. Per godere non solo dei benefici di un animale di supporto emotivo ma anche dei diritti legali, gli individui devono registrare i loro ESA. Ed è un processo che non è sempre ovvio per tutti.

Le nuove politiche e procedure hanno lo scopo di supportare i “clienti con disabilità e gli animali di servizio che viaggiano con loro”, nonché i membri del team che lavorano per mantenere i clienti al sicuro. “Il nostro team è motivato dallo scopo di prendersi cura delle persone nel viaggio e crediamo che questi cambiamenti alle politiche miglioreranno la nostra capacità di fare proprio questo”, ha affermato Jessica Tyler, Presidente American Airlines Cargo e vice Vice Presidente of Airport Excellence for American.

La nuova regola del DOT (Ministero dei Trasporti americano) definisce un animale di servizio come un cane addestrato individualmente per svolgere un lavoro o svolgere compiti a beneficio di un individuo qualificato con disabilità, ovvero una definizione più ristretta rispetto al passato.

Quando la norma entrerà in vigore l’11 gennaio, American non autorizzerà più nuovi viaggi per animali che non soddisfano tale definizione, come appunto gli animali di supporto emotivo. Le prenotazioni esistenti che coinvolgono animali di supporto emotivo saranno rispettate fino al 1° febbraio, quando entreranno in vigore le nuove politiche della compagnia aerea.

A partire dal 1° febbraio, per garantire viaggi accessibili alle persone con disabilità proteggendo al contempo la sicurezza e il benessere dei clienti e dei membri del team, American chiederà ai clienti che viaggiano con animali di servizio di completare un modulo DOT che attesti il comportamento, l’addestramento e la salute del cane.

La compagnia aerea richiederà che questo modulo sia inviato elettronicamente 48 ore prima del volo, a meno che la prenotazione non venga effettuata entro 48 ore dal viaggio. L’autorizzazione di un animale di servizio sarà valida per un anno o fino alla scadenza delle sue vaccinazioni.

Gli animali che in precedenza viaggiavano come animali di supporto emotivo e non si qualificano più come animali di servizio possono dunque viaggiare ma come “animali domestici” o “animali da carico”, purché soddisfino i requisiti richiesti.

AGC GreenCom 6 Gennaio 2021 19:04