I treni passeggeri Eurostar tra Francia, Belgio e Paesi Bassi e Londra subiranno quest’anno un calo di attività del 10% come impatto della Brexit.

In un’intervista a BFMTV, il ministro dei Trasporti francese Jean-Baptiste Djebbari si è detto fiducioso che questo calo del 10% nel 2021 non sarà strutturale e che ci potrebbe esserci un recupero nei prossimi anni.

In ogni caso, ha insistito sul fatto che “la Brexit non è una buona notizia nè per gli inglesi nè per l’Europa”, e ha accusato “tutti coloro che hanno mentito” nella campagna per il referendum del 2016, affermando che  le promesse positive che hanno annunciato e che “saranno smentite dai fatti”. Eurostar, che è una filiale della compagnia ferroviaria statale francese SNCF, ha trasportato fra Francia e GB 11.046.608 passeggeri nel 2019, l’1% in più rispetto all’anno precedente.

Circa la metà delle persone che la utilizzano viaggiano tra la Francia e l’Inghilterra sull’Eurotunnel. Il resto sono clienti dei convogli di Getlink, il concessionario di questo tunnel ferroviario sotto la Manica. 

Foto wikipedia tunnel Manica

AGC GreenCom 3 Gennaio 2021 16:00