Gazprom , il colosso energetico russo, ha ridotto del 9,48% la sua produzione a 452,7 miliardi di metri cubi di gas nel 2020 rispetto all’anno precedente: lo ha riferito il presidente del gigante russo del gas, Alexei Miller.

In calo anche le vendite all’estero, escluso lo spazio post-sovietico: l’export e’ stato pari a 179 miliardi di metri cubi di gas, con una diminuzione del 10% rispetto al 2019, che fu invece un grande anno per la società del gas russo.

Dalla direzione del Gruppo hanno sottolineato che 9 paesi europei, tra cui ha menzionato la Turchia, la Grecia, il Belgio e la Danimarca, hanno aumentato i loro acquisti da Gazprom, e che le forniture alla Slovacchia e ai Paesi Bassi hanno raggiunto cifre record.

Foto wikipedia  sede Gazprom a San Pietroburgo

AGC GreenCom 2 Gennaio 2021 17:46