Entrano in servizio i due ultimi treni regionali Rock completando la flotta degli 86 convogli Rock e Pop previsti dalla ‘cura del ferro’ della Regione per rinnovare il parco treni.

In poco più di un anno e grazie a un investimento della Regione stessa pari a 750 milioni di euro, fa dell’Emilia-Romagna il territorio su cui circolano i mezzi più giovani d’Italia.

“Una scommessa vinta – afferma l’assessore regionale ai Trasporti, Andrea Corsini -, per un impegno costante che ribadiamo a favore di una mobilità sostenibile e alternativa al mezzo privato. Continueremo a potenziare il trasporto pubblico, sulla scia di misure come l’integrazione tariffaria, che ci ha portato a stanziare 6 milioni di euro l’anno per permettere di far viaggiare gratis sugli autobus in tutte le principali città dell’Emilia-Romagna gli abbonati al servizio ferroviario regionale”.

Nel 2021 la Regione estenderà la gratuità dell’abbonamento su bus e treni per i ragazzi fino ai 19 anni di età per il tragitto casa-scuola.

Delle 616 corse giornaliere di Trenitalia Tper su rete Rfi, ben 582 sono ora su convogli di ultima generazione. Un rinnovo che interesserà  anche i 266 collegamenti su rete Fer e su rete mista (Fer+Rfi).

La fine del 2020 segna anche il compimento di un anno di vita di Trenitalia Tper, che ha già acquistato altri quattro Rock da oltre 700 posti a sedere, che saranno consegnati nel corso del 2022.

Foto FS Italiane

AGC GreenCom 31 Dicembre 2020 8:41