Il Ministero dello Sviluppo Economico ha autorizzato il nuovo elettrodotto a 380 kV ‘Cassano-Chiari’ fra le province di Milano, Bergamo e Brescia, che consentirà di incrementare l’efficienza e la stabilità della rete elettrica lombarda e dell’intero Nord Italia.

Il via libera finale all’opera segue la valutazione positiva di impatto ambientale da parte del Ministero dell’Ambiente, l’ok della conferenza dei servizi e l’intesa con la Regione Lombardia. Terna provvederà ora alla progettazione esecutiva dell’intervento prima dell’apertura dei cantieri prevista per il 2022.

L’intervento, per cui Terna investirà 60 milioni di euro, prevede la riqualificazione a 380 kV dell’esistente elettrodotto a 220 kV, della lunghezza di circa 35 km, tra Cassano d’Adda (provincia di Milano) e Chiari (provincia di Brescia). L’opera sarà realizzata in sinergia con il collegamento autostradale tra Brescia, Bergamo e Milano e percorrerà il 60% del tracciato esistente.

L’intervento – informa una nota-  rientra nel quadro degli investimenti previsti dal nuovo Piano Industriale 2021-2025 di Terna che prevede in Lombardia un impegno complessivo di oltre 520 milioni di euro nei prossimi cinque anni per lo sviluppo e la resilienza della rete elettrica regionale. Su scala nazionale, nell’arco temporale 2021-2025, Terna investira’ complessivi 8,9 miliardi di euro.

foto Terna spa

AGC GreenCom 29 Dicembre 2020 14:24