Una vita da vero avventuriero, giramondo, camaleonte, doppogiochista eccezionale, tra gli ultimi, se non proprio l’ultimo tra i grandi protagonisti della “Guerra Fredda”. Parliamo di Geroge Blacke, George Behar alla nascita in Olanda l’11 novembre 1922 da madre olandese e da padre ebreo sefardita di cittadinanza britannica, diplomatico e spia britannica divenuto comunista, poi scoperto e arrestato, evase nel 1966 rifugiandosi in quella che era l’Unione Sovietica e morto ieri 26 dicembre a Mosca, in Russia, all’età di 98 anni.

Per leggere l’articolo originale di Ennio Remondino su “Remocontro” clicca qui

 

 

 

AGC GreenCom 27 Dicembre 2020 19:14