E’ rientrato nello stabilimento Hitachi Rail di Pistoia il primo dei nuovi treni ibridi HTR.412 “Blues” costruiti per Trenitalia, dopo la permanenza presso il centro di sperimentazione Italcertifer di Firenze Osmannoro per le  prove di pesatura e sghembatura.

Nei primi mesi nel 2021, il nuovo convoglio ibrido dovrebbe iniziare i test statici per la verifica delle apparecchiature di bordo, seguiti dai test dinamici su rete RFI per ottenere l’Autorizzazione di Messa In Servizio (AMIS) da parte dell’ANSF. Secondo i programmi, i primi treni “Blues” dovrebbero entrare in servizio commerciale nell’ultimo trimestre del 2021.

Si tratta di un treno a singolo piano, sviluppata e realizzata in Italia, le cui composizioni possono essere dotate di propulsione elettrica, di propulsione diesel-elettrica e di propulsione a batterie o ibrida, aspetto che consente la configurazione di soluzioni per qualunque tipologia di linea ferroviaria, sia per servizi di carattere suburbano/regionale che per quelli interregionale/intercity con velocità fino a 200 km/h.

Entro i primi mesi del 2021 lo vedremo in Toscana per la quale sono stati ordinati 30, in Sicilia 22, in Calabria 13. in Sardegna 12 e nel Lazio 3.

I nuovi treni verranno prodotti in configurazione a tre e quattro casse e riceveranno rispettivamente la classificazione HTR.312 e HTR.412, dove “H” sta per “Hybrid”.

La configurazione a tre casse ha una lunghezza di 66,88 m, ha 224 posti a sedere e 165 in piedi. La configurazione a quattro casse ha una lunghezza di 86,08 m, ha 306 posti a sedere e 224 in piedi

Foto “Blues” da sito Hitachi

AGC GreenCom 26 Dicembre 2020 10:02