Il quotidiano Asia To Day pubblica la notizia che le autorità di Pechino hanno esortato i residenti a non lasciare la città durante le prossime vacanze del capodanno lunare, implementando nuove restrizioni a causa delle diverse infezioni da Covid riscontrate nella Capitale.

Venerdì sono stati segnalati due casi domestici, un impiegato di un minimarket e un impiegato di Hewlett Packard Enterprise. Altri due casi asintomatici sono stati scoperti in precedenza.

Pechino sta conducendo test su scala limitata nei quartieri e nei luoghi di lavoro in cui sono stati trovati i casi. Nello stesso tempo ha annullato grandi raduni come eventi sportivi e fiere del tempio. Luoghi come cinema, biblioteche e musei devono funzionare al 75% della capacità.

I funzionari della città portuale nord-orientale di Dalian affermano di aver testato oltre 4,75 milioni di persone dopo 24 infezioni confermate questo mese, ma sono state chiuse le scuole e diverse attività ad eccezione di quelle lavorative.

Per quanto riguarda l’area  Asia-Pacifico la Corea del Sud ha segnalato altri 1.132 casi di coronavirus mentre si è verificata una recrudescenza epidemica durante la settimana di Natale e sono state esercitate pressioni sul Governo affinché imponga controlli più severi sulle distanze sociali.

Le cifre di sabato hanno portato i contagi nel Paese a 55.902 con 793 morti. Circa 780 dei nuovi casi provenivano dalla grande area della capitale Seoul, che ospita 26 milioni di persone, dove gli operatori sanitari hanno scoperto un grande cluster in una grande prigione con oltre 500 detenuti e addetti.

I contagi nelle ultime settimane hanno riguardato  anche a ospedali, case di cura, chiese, ristoranti e unità dell’esercito. Dopo mesi di compiacimento, le autorità  nelle ultime settimane  hanno ripristinato alcune restrizioni di distanziamento dopo averle allentate al livello più basso in ottobre.

Ora  vietano gli incontri privati, chiudono le stazioni sciistiche, limitano l’occupazione degli hotel e impongono multe per i ristoranti che accettano gruppi numerosi.

Il Governo si riunirà domenica  per determinare se elevare i controlli di distanziamento al più alto livello che potrebbe  bloccare centinaia di migliaia di attività non essenziali. I funzionari hanno resistito a tale azione per settimane, dicendo che potrebbe scatenare ulteriori shock su un’economia già debole.

AGC GreenCom 26 Dicembre 2020 8:46