Da un servizio della Associated Press da Pechino apprendiamo che l’equipaggio della Horizon Spirit di proprietà statunitense trascorrerà  il Natale a prendendosi cura della sua nave portacontainer lunga 240 metri in un cantiere navale della Cina meridionale bloccato , come migliaia di marinai, dalle restrizioni del coronavirus.

La maggior parte dei 22 membri dell’equipaggio che ha lasciato Los Angeles il 22 ottobre è stata confinata sulla nave mentre è in fase di revisione a Nantong, nella Cina orientale, ha detto il suo terzo ufficiale, Harvey Smith. Normalmente, si sarebbero trasferiti in un hotel per evitare saldature, verniciature e altri lavori.

“Ora, i vapori di vernice sono così forti che dobbiamo indossare una maschera in cucina per ritirare il nostro cibo ”, ha detto Smith, di Wilmington al telefono da Nantong, a nord-ovest di Shanghai sul fiume Yangtze.

Secondo il gruppo l’International Chamber of Shipping, tutto il mondo, quasi 400.000 marinai di navi mercantili che trasportano cibo, forniture mediche e altre merci non possono scendere a terra e alcuni  sono stati bloccati a bordo delle loro navi per 17 mesi.

I controlli antivirus e le restrizioni sui visti in molti paesi impediscono ai marinai stranieri di entrare in aereo per sostituire gli equipaggi delle navi. Il segretario generale dell’Organizzazione marittima internazionale delle Nazioni Unite, Kitack Lim, l’ha definita una “crisi del cambio dell’equipaggio ”. Le fabbriche e i negozi cinesi hanno riaperto da quando il Partito comunista al governo ha dichiarato il virus sotto controllo a marzo. Ciò ha determinato un aumento della domanda di petrolio importato, componenti industriali e beni di consumo. Ma vengono rilasciati pochi nuovi visti, il che significa che molti marinai stranieri non possono lasciare le loro navi.

La Cina ha smesso di rilasciare nuovi visti a marzo. A ottobre, ha allentato le restrizioni per consentire ai caricatori di sostituire gli equipaggi a Shanghai e in altri nove porti, ma non a Nantong.

A bordo della Horizon Spirit si  trascorrono le giornate come guardia antincendio, mentre dozzine di elettricisti cinesi, saldatori, imbianchini e altri lavoratori revisionano la nave. L’equipaggio ha installato dei ventilatori per tenere lontani i fumi dalle zone giorno.

“ Ci sono molte altre navi qui. Mentre faccio il mio giro, vedo membri dell’equipaggio su altre navi ” riferisce un marittimo che aveva visitato  la Cina in precedenza, ma il suo ultimo visto di 5 anni per ingressi multipli è scaduto ad aprile. L’ufficio per i visti cinese a Los Angeles era chiuso, ma lui e altri membri dell’equipaggio si aspettavano di ottenere ancora il permesso di lasciare la nave a Nantong. I funzionari sanitari cinesi li hanno testati sei volte per il coronavirus e non hanno trovato nessuno infetto ma non si sa se potranno richiedere il visto.

“ Normalmente, quando una nave entra in un cantiere navale, mandano a terra l’intero equipaggio per rimanere in un hotel ”, ha riferito lo stesso marittimo aggiungendo. “ Siamo qui da oltre 40 giorni. ” Alcuni membri dell’equipaggio hanno realizzato decorazioni natalizie improvvisate, ma venerdì sarà una normale giornata di lavoro”. ,

A cinque marinai è stato permesso di andare in un hotel perché i loro visti erano ancora validi, gli altri sono “ confinati sulla nave, non possono nemmeno lasciare la passerella ” fino a quando  la nave dovrebbe tornare a Los Angeles il mese prossimo dopo aver ritirato il carico a Shanghai.

L’amministrazione del porto di Nantong e l’ufficio visti non hanno risposto alle domande su quanti marinai potrebbero essere stati colpiti e se a qualcuno fosse stato concesso il visto dopo l’arrivo.

Il 1 ° dicembre, l’Assemblea generale delle Nazioni Unite ha invitato i governi in una risoluzione a designare gli equipaggi delle navi come `”lavoratori essenziali ” per facilitare i loro viaggi sottolineando che  le navi mercantili hanno spostato 11 miliardi di tonnellate di merci lo scorso anno, il che è “essenziale per il normale funzionamento della società. ” Ma evidentemente la realtà è diversa e il virus fa paura in tutto il mondo.

AGC GreenCom 24 Dicembre 2020 9:24