Il rialzo del prezzo del carburante deciso da ENI è rimasto isolato infami la vigilia di Natale passerà senza novità sui prezzi dei carburanti, mentre il barile sembra riprendere vigore tornando sopra i 51 dollari e le quotazioni dei prodotti raffinati salgono con forza.

In lieve aumento i prezzi praticati alla pompa che recepiscono la mossa del Gruppo di San Donato.

La Staffetta Quotidiana che monitora ogni giorno i prezzi dell’energia, scrive che alla pompa attualmente i prezzi medi sono i seguenti: per la benzina self service a 1,437 euro/litro (+1 millesimo, compagnie 1,446 pompe bianche 1,412); diesel a 1,310 euro/litro (+1, compagnie 1,318, pompe bianche 1,285).

Benzina servito a 1,575 euro/litro (+1, compagnie 1,625, pompe bianche 1,469); diesel a 1,453 euro/litro (+1, compagnie 1,504, pompe bianche 1,343). Gpl servito a 0,595 euro/litro (+1, compagnie 0,608, pompe bianche 0,578); metano servito a 0,975 euro/kg (invariato, compagnie 0,981, pompe bianche 0,969); Gnl 0,919 euro/kg (compagnie 0,916 euro/kg, pompe bianche 0,922 euro/kg).

Questi i prezzi sulle autostrade: benzina self service 1,540 euro/litro (servito 1,784), gasolio self service 1,421 euro/litro (servito 1,685), Gpl 0,703 euro/litro, metano 1,065 euro/kg, Gnl 0,882 euro/kg.

Queste le quotazioni dei prodotti raffinati in Mediterraneo alla chiusura di ieri: benzina a 283 euro per mille litri (+9, valori arrotondati), diesel a 303 euro per mille litri (+9, valori arrotondati). Questi i valori comprensivi di accisa: benzina a 1.011,23 euro per mille litri, diesel a 920,05 euro per mille litri. (Te

AGC GreenCom 24 Dicembre 2020 9:56