Eni scopre un nuovo pozzo di olio  nella concessione di Meleiha, nel deserto occidentale egiziano. La scoperta e’ stata effettuata con il pozzo Arcadia 9 perforato sulla struttura di Arcadia Sud, situata 1,5 km a sud del campo di Arcadia, già in produzione.

Il pozzo ha incontrato 26 metri mineralizzati a olio nelle arenarie cretaciche della formazione Alam El Bueib 3G. Allacciato immediatamente alla produzione, produce stabilmente 5.500 barili di olio al giorno (bopd).

In seguito alla scoperta sono stati immediatamente perforati due pozzi di sviluppo, Arcadia 10 e Arcadia 11. Il primo ha incontrato 8 metri mineralizzati a olio e il secondo 25 metri sempre nelle arenarie della formazione Alam El Bueib 3G. I tre pozzi condividono lo stesso contatto olio-acqua nel giacimento rinvenuto. Oltre a questo, Arcadia 11 ha anche incontrato 6 metri a olio nella soprastante formazione Alam El Bueib 3D.

La nuova scoperta aggiunge 10mila barili di olio al giorno alla produzione della concessione. Con queste scoperte Eni continua portare avanti con successo la sua strategia di esplorazione sinergica con strutture di produzione esistenti attraverso AGIBA, una joint venture paritetica tra Eni e la Egyptian General Petroleum Corporation (EGPC), riuscendo ad ottenere una rapidissima valorizzazione di queste nuove risorse.

Eni, attraverso la sua controllata Ieoc, detiene il 38% di interesse nella concessione di Meleiha, Lukoil il 12% ed EGPC il 50%. Presente in Egitto dal 1954 e’ il principale produttore del Paese. L’attuale produzione equity di Eni e’ di circa 320.000 barili di olio equivalente al giorno.

Foto ENI

AGC GreenCom 23 Dicembre 2020 14:52