Il mondo dell’aviazione, a cominciare dalle sue industrie, ha una lunga storia di contributo alla società, trasferendo persone e merci, promuovendo il PIL mondiale e distribuendo forniture e attrezzature mediche ovunque sia necessario, il più rapidamente possibile. Con il rilascio dei tanto attesi vaccini COVID-19, l’aviazione è destinata ancora una volta a svolgere un ruolo importante in questa missione salvavita.

In stretto coordinamento con gli organismi di regolamentazione del settore aereo, Airbus, costruttore multinazionale europeo aerospaziale con sede principale in Francia sull’aeroporto di Tolosa-Blagnac, fornisce “guida tecnica” e supporto ai propri clienti e operatori, mentre si preparano ad affrontare la sfida logistica senza precedenti per la spedizione dei vaccini in tutto il mondo.

“Una delle sfide più grandi è preservare la stabilità biochimica dei vaccini COVID-19 durante l’intero trasporto, mantenendoli estremamente freddi, alcuni fino a -70 gradi Celsius – informa il costruttore aeriospaziale europeo Airbus attraverso una nota – e il mezzo più efficace per mantenere tale carico a questa temperatura è impacchettare solid “dry ice”, cioè anidride carbonica congelata, attorno ad esso”.

“In circostanze normali, il ghiaccio secco, dry ice – continua la nota – viene utilizzato da specialisti nel trattamento delle merci con l’esperienza necessaria per movimentare in sicurezza tali carichi necessari di freddo all’interno dei loro aerei. Tuttavia, l’enorme volume di vaccini che ora devono essere trasportati in tutto il mondo, richiede un’implicazione molto più ampia da parte di tutti i tipi di operatori, e non sorprende che essi abbiano contattato Airbus per avere indicazioni su come possono contribuire in sicurezza a questo sforzo”.

In risposta alla necessità immediata delle compagnie aeree di comprendere meglio la gestione del trasporto di composti che necessitano di contenitori per essere conservati in anidride carbonica congelata collocata nei “ponti inferiori” (anche stive) dei propri aerei, Airbus ha continuamente aggiornato i suoi operatori in diversi modi: dai webinar di gruppo alla consultazione individuale, con aggiornamenti tecnici ampiamente distribuiti e lettere dedicate all’argomento.

Airbus ha recentemente pubblicato un “pacchetto informativo” che include una aggiornata “Service Information Letter” (SIL, lettera di informazione di servizio), che descrive il modo in cui Airbus accoglie le “Raccomandazioni delle Autorità aeronautiche” per quanto riguarda il trasporto di quantità maggiori del normale di solid dry ice nei compartimenti merci dei “ponti inferiori” dei velivoli, ventilati e non ventilati, come pure sui “ponti principali”.

Airbus ricorda inoltra agli operatori le considerazioni e misure in materia di salute e sicurezza (in particolare per quanto riguarda la ventilazione) da rispettare durante il carico e il volo. In particolare, le informazioni includono anche indicazioni sui limiti massimi di ghiaccio secco da caricare in linea con le normative”.

Anche EASA (Agenzia Europea per la Sicurezza aerea) ha diffuso linee guida per il trasporto in sicurezza dei vaccini.

Foto: Airbus

AGC GreenCom 20 Dicembre 2020 13:22