Si è svolta oggi 16 dicembre la tradizionale conferenza stampa di fine anno di SACBO, società di gestione dell’Aeroporto di Milano Bergamo, in modalità web conference, alla presenza del  presidente Giovanni Sanga e del direttore generale Emilio Bellingardi.

Anno horribilis per tutto il sistema aeroportuale italiano e mondiale che non ha risparmiato lo scalo di Orio. Nonostante un andamento altalenante dei voli fra i mesi prima del lockdown di marzo e la ripresa estiva dei voli con un incremento del 50% rispetto alla chiusura di primavera, la SACBO ha resistito, come ha detto il presidente, accantonando, con il consenso del cda, 14 milini di dividendi e proseguendo nel suo piano poliennale di investimenti per 67milioni per l’ampliamento dell’area portuale, le infrastrutture e il rinnovamento tecnologico.

Non solo, come ha detto Sanga e ribadito da Belligardi, è ormai in fase di progettazione l’albergo a quattro stelle di 200 stanze, adiacente all’area aeroportuale e allo svincolo autostradale che avrà un costo di 20 milioni a carico della società per poi venir affidato ad un brand internazionale della Hotelery.

Eppure nonostante il blocco pressoché totale dei voli nel periodo più buio della pandemia, Orio ha resistito per la sua funzione sociale e nazionale come di punto di riferimento degli interventi di uomini e materiale sanitario.

Se oggi la perdita di SACBO viene stimata in 25 milioni, nel futuro difficilmente quantificabili per l’incerto andamento del mercato a causa della pandemia, la società sta già pianificando il futuro con le compagnie aeree (Rayan in particolare)  che metteranno in funzione anche nuovi aeromobili a risparmio energetico ed ecologicamente innovativi.

Ovviamente al di là degli attuali ristori del Governo e della cassa integrazione che solo in parte copre i costi fissi di una struttura sempre attiva, SACBO, come tutti i gestori aeroportuali, si attende un intervento statale, come sollecitato dallo stesso presidente di Assaeroporti Fabrizio Palenzona, che al momento è in discussione per un importo di 600 milioni dalla Manovra finanziaria del Governo.

Tutto è legato, come ha detto il presidente Sanga, alla evoluzione della situazione economica e pandemica, ma in ogni caso SACBO è pronta ad affrontare la ripresa già prevedibile dalla seconda metà del prossimo anno.

AGC GreenCom 16 Dicembre 2020 12:32