Definito un “nuovo percorso”. L’accordo ENEL-Organizzazioni Sindacali di categoria (Filctem, Flaei e Uiltec) rappresenta un primo importante tassello di un nuovo corso che ha portato le Federazioni a sospendere le azioni di sciopero.
Il contenuto dell’accordo riporta che ENEL ritiene la rete, area soggetta alla vertenza, asset strategico per le proprie attività al servizio dei clienti; considera altresì il sistema delle relazioni con le OO.SS. determinante per contribuire all’evoluzione del settore in termini di innovazione, sostenibilità e valorizzazione delle persone occupate; ritiene determinante in una fase così delicata per il Paese superare problematiche conflittuali tra le parti sociali.
In ragione di ciò si propone di definire un nuovo protocollo di relazioni industriali, in una logica partecipativa, coerente ai nuovi assetti determinati dalla transizione energetica e dai processi di digitalizzazione, utile a gestire gli impatti che si determineranno.
Il Sindacato sospende di conseguenza le iniziative che avevano determinato la vertenza, ovvero le esternalizzazioni delle manovre, e la discussione sulla reperibilità di zona e orari sfalsati; definendo nuovi inserimenti occupazionali, per il periodo 2021-23, pari a 900 assunzioni, fatto salvo il monitoraggio territoriale per le opportune verifiche operative; inoltre si impegna ad una analisi dell’evoluzione professionale degli addetti della rete necessaria per affrontare la transizione energetica ed i processi di evoluzione tecnologica e digitale che ne conseguono.
Il primo importante passo è stato compiuto grazie alle forti iniziative che le Federazioni di categoria hanno messo in campo al centro ed in periferia con uno sciopero dall’esito senza precedenti, dove nelle unità operative l’adesione è stata del 90 %. Ora si tratta di gestire questo corso e di verificarne la coerenza

AGC GreenCom 14 Dicembre 2020 11:33