La gigantesca rompighiaccio arancione Aurora Australis ha lasciato l’Australia per l’ultima volta dopo oltre 150 viaggi in Antartide. Prossima tappa: un cantiere navale a Dubai, dove sarà ristrutturato e affittato o venduto.

L’Australian Antarctic Division ha annunciato che dopo 30 anni di navigazione verso il continente ghiacciato per la ricerca e il supporto delle basi australiane in Antartide, l’Aurora Australis sarà stata sostituita da una nave più grande.

L’Aurora di 312 piedi di lunghezza (96 metri) fu costruita a Newcastle a nord di Sydney varata nel settembre 1989. Ha intrapreso il suo viaggio inaugurale verso Heard Island in Antartide nel 1990. Da allora ha traghettato ricercatori, rifornimenti di cibo e carburante fondamentali ed è stato coinvolto in diversi soccorsi.

Nel dicembre 2013, ha trasportato 52 persone dalla MV Akademik Shokalskiy in salvo dopo che la nave russa rimase bloccata in uno spesso strato di ghiaccio.

Alle 6 del mattino di sabato, dozzine di persone si sono radunate al molo per salutare definitivamente la nave che era diventata una parte integrante della città e dello stato insulare.

L’Aurora Australis sarà sostituita dalla RSV Nuyina da 398 milioni di dollari, dal nome di una parola aborigena della Tasmania che significa  “luci del sud”.

La nuova nave, attualmente in fase di collaudo in mare in Europa dopo alcuni ritardi nella costruzione, dovrebbe essere a Hobart entro la metà del prossimo anno.

Trasporterà fino a 117 membri dell’equipaggio e dei viaggiatori, 1.200 tonnellate di carico e quasi 2 milioni di litri (500.000 galloni) di carburante, sostanzialmente di più più dell’Aurora Australis, che ha completato il suo ultimo viaggio di rifornimento in Antartide a marzo.

AGC GreenCom 12 Dicembre 2020 7:52