Il livello della marea misurata a Punta della Salute, sul Canal Grande, segna 60 cm alle 7, durante il picco di marea previsto di 125 cm. A dirlo sono le rilevazioni del Centro maree del Comune di Venezia. Il Mose, entrato in azione intorno alle 4 di oggi, sta funzionando lasciando finalmente la città all’asciutto. 

Eppure ieri l’Acqua alta a Venezia c’è sta nonostante il Mose, che per essere azionato necessità di un’allerta che deve essere data 48 ore prima e con una previsione di almeno 139 cm di marea.
Come ha spiegato Cinzia Zincone, Provveditore alle opere pubbliche del Nordest, “le previsioni non erano tali, e quando sono cambiate si era fuori tempo massimo”. Così, nel giorno dell’Immacolata, la città è finita nuovamente sott’acqua e i cittadini sono stati costretti a muoversi con estrema difficoltà e, quando è dove hanno potuto, sulle passerelle.
Ai microfoni di SkyTg24 il sindaco di Venezia ha spiegato che “esisteva una previsione di marea a 120 cm di massima, poi in mare il vento è cresciuto molto, è montato dalla Croazia un vento non previsto e l’apporto anche delle piene del Tagliamento e del Piave ha fatto sì che la marea aumentasse paradossalmente proprio lungo la costa”.

AGC GreenCom 9 Dicembre 2020 8:11