Sarà il sito della Difesa a Pratica di Mare l’hub nazionale di stoccaggio per la campagna di vaccinazione anti-Covid19. L’annuncio è arrivato ieri dal commissario all’emergenza Coronavirus, Domenico Arcuri, dopo l’accordo raggiunto con i ministri di Difesa e Salute Lorenzo Guerini e Roberto Speranza.

La struttura è stata scelta perché è un hub intermodale sicuro e di notevoli dimensioni nei pressi dell’aeroporto dell’Aeronautica militare. Oltre ad essere ottimo per la successiva distribuzione dei vaccini sarà in grado di accogliere vettori aerei, elicotteri, e situato sul litorale romano in posizione strategica per raggiungere l’intera Penisola.  

Le fiale di vaccino verranno concentrate nel sito, in cui sono disponibili shelter di ampie dimensioni, che garantiranno la massima efficacia per la conservazione ed elevati livelli di sicurezza per gli stock”. Di lì, i lotti saranno distribuiti dalle forze armate ai 1500 punti di somministrazione che il piano ha previsto su tutto il territorio nazionale.

La campagna vaccinale partirà con una prima fase a fine gennaio, per diventare ‘di massa’ in primavera: ai 1500 punti di somministrazione si aggiungeranno le unità mobili, per arrivare a tutti coloro che non potranno raggiungere i cosiddetti ‘punti vaccino’.

A breve partirà una gara pubblica per la selezione di 20 mila, tra medici e infermieri, dedicati alla somministrazione del siero. Nei mesi successivi ci si dovrebbe avvalere anche dei medici di medicina generale, dei pediatri e forse delle farmacie.

Infine grazie alla collaborazione gratuita di Poste Italiane ed Eni, verrà realizzato un sistema informativo in grado di tracciare ogni singola dose, le prenotazioni e le somministrazioni, fino all’aggiornamento delle anagrafi vaccinali. 

AGC GreenCom 6 Dicembre 2020 8:28