Il settore aereo è uno dei più colpiti dalla pandemia, con perdite stimate intorno ai 157 miliardi di dollari, di cui 118.5 miliardi solo nel 2020, secondo la International Air Transport Association (IATA).  Ma le compagnie aeree provano a reagire, anche attraverso azioni sinergiche, come dimostra l’annuncio di qualche giorno fa che, a partire da dicembre, cinque delle più grandi compagnie, United Airlines, Lufthansa, Virgin Atlantic, Swiss International Air Lines e JetBlue inizieranno ad accettare, su alcuni voli selezionati, un pass digitale, chiamato CommonPass, che certifica lo stato di salute dei passeggeri. 

Si tratta di un documento che potrà essere esibito dai passeggeri via smartphone e che rappresenta uno standard internazionale di certificazione di negatività al tampone. Ciò per ovviare alla discrezionalità di interpretazione e alla confusione, generate dalle attuali certificazioni, emesse in lingue diverse, da enti e laboratori diversi, senza un format standard, che possono, dunque, essere falsificate facilmente. 

Il pass è sviluppato dall’organizzazione no profit The Commons Project insieme al World Economic Forum e potrà essere in futuro applicato anche ai vaccini anti Covid e potrebbe anche essere utilizzato in altri settori, come quello navale e dell’accoglienza turistica, per esempio negli hotel. L’organizzazione sottolinea anche la protezione dei dati personali che CommonPass consente, in quanto condivide solo i dati strettamente relativi all’esito dei tamponi o il dato del vaccino e nessuna altra informazione relativa alla salute degli individui.

CommonPass è ancora nella fase sperimentale ma potrebbe rappresentare uno strumento per evitare la quarantena, che in alcuni Paesi non è obbligatoria solo se si presenta la certificazione di negatività al tampone. Inoltre, potrebbe essere essenziale per evitare il respingimento da parte di Paesi che, come l’Australia, hanno annunciato che, per entrare, sarà obbligatorio aver effettuato il vaccino e, in generale, per una ripresa dell’economia legata a viaggi e turismo.

AGC GreenCom 27 Novembre 2020 5:15