giovedì, Settembre 23, 2021
HomeScienze e TecnologiaEnergia rinnovabile dagli scarti delle verdure

Energia rinnovabile dagli scarti delle verdure

Carvey Ehren Maigue, studente universitario delle Filippine, è riuscito ad aggiudicarsi uno dei finanziamenti messi in palio dal premio della James Dyson Foundation, il prestigioso riconoscimento che incoraggia i nuovi inventori e che fornisce loro una piattaforma di lancio.

Il progetto si chiama AuREUS e utilizza i meccanismi della decomposizione degli scarti dei raccolti per produrre una sostanza che può essere modellata a pannelli con cui rivestire finestre e pareti. La sostanza permette ai raggi UV di essere “assorbiti” e conservati, per poi riemetterli come energia. Il tutto basato su un sistema naturale di estrazione del materiale. A differenza dei pannelli solari, il sistema è efficace anche quando non è esposto direttamente al sole perché può raccogliere i raggi UV attraverso le nuvole e anche quando “rimbalzano” su muri e marciapiedi.

La sua invenzione ha del rivoluzionario, ed il suo intento è “creare una forma migliore di energia rinnovabile che utilizzi le risorse naturali del mondo, che sia vicina alla vita delle persone, forgiando percorsi realizzabili verso un futuro sostenibile e rigenerativo”.

 

Aldo M. Biscardi
Studente di Ingegneria Gestionale presso La Sapienza. Appassionato di giornalismo, sport, fonti di energia rinnovabili e motori.
RELATED ARTICLES

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Most Popular

Recent Comments