Un dossier, dal titolo “Riqualificare l’Italia” è stato presentato oggi dal WWF. L’ obiettivo e’ arrestare e invertire il declino della biodiversità e il degrado e dissesto del territorio, investendo in 6 aree vaste prioritarie, utilizzando le risorse messe a disposizione dalla Commissione Europea attraverso il Next Generation.

Il WWF, in attesa che si definiscono i progetti per il Piano nazionale di ripresa e resilienza con i fondi assegnati all’Italia dalla Commissione Europea per un ammontare di 191,4 miliardi, ha redatto e presentato lo studio, illustrando per l’occasione un primo modello di intervento per la rinaturazione della Valle del Po.

Alla presentazione del dossier, introdotto dalla presidente del WWF Italia Donatella Bianchi, sono intervenuti Paola De Micheli, ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Roberto Morassut, sottosegretario al ministero dell’Ambiente, Andrea Agapito Ludovici, responsabile acque del WWF Italia, Claudio Bassanetti(presidente dell’Anepla, l’Associazione nazionale estrattori produttori lapidei affini), Meuccio Berselli(segretario generale Autorita’ di Bacino Fiume Po), Irene Priolo (Presidente Aipo – Agenzia interregionale per il Po) e i docenti Bernardino Romano, Riccardo Santolini e Pierluigi Viaroli.

La Comunita’ Europea ha già stabilito che il 37% dei 191,4 della Recovery and Reslience Facility debba essere destinato ad azioni per il clima e l’adattamento climatico, la Commissione Ambiente del Parlamento europeo ha chiesto di aggiungere un +10% per Ambiente e biodiversita’. E il WWF auspica che in conclusione ci sia almeno un 40% per le priorita’ in campo ambientale”. Inoltre – secondo dati ufficiali della Commissione Europea- nonostante la crisi del 2007-2008, dal 2000 al 2015, la crescita di posti di lavoro verdi in Europa sia stata sette volte superiore a quella ottenuta dal resto dell’economia.GL

AGC GreenCom 24 Novembre 2020 19:09