L’eolico è uno dei protagonisti della transizione energetica verso fonti rinnovabili. Come tutti i dispositivi però anche le pale eoliche non sono eterne, e dopo un certo numero di cicli produttivi devono essere smaltite e riciclate. Alcune aziende hanno cominciato a considerare di utilizzare gli apparati dismessi come elemento di arredo urbano, ma non esistono ancora reali alternative alla pirolosi ed alla solvolisi, procedimenti comunque costosi, oppure all’inevitabile stoccaggio in discarica.

Per questo motivo Vestas, azienda di produzione energetica con 110 anni di storia alle spalle, ha deciso di impegnarsi per arrivare a produrre turbine di produzione di energia eolica riciclabili o smaltibili al 100% entro il 2040. L’obbiettivo è indubbiamente ambizioso, soprattutto considerato che gli impianti attuali possono essere riciclati soltanto al 44%. Vestas prevede di arrivare al 50% entro 5 anni.

AGC GreenCom 13 Novembre 2020 11:21