mercoledì, Settembre 22, 2021
HomeTrasportiERSAT, progetto FS con ESA: satelliti in orbita per controllo marcia treni

ERSAT, progetto FS con ESA: satelliti in orbita per controllo marcia treni

Dallo spazio alle ferrovia, il  progetto ERSAT-FS con la collaborazione di ESA (Agenzia Spaziale Europea) per garantire la marcia sicura dei treni. I convogli su rotaia in Italia saranno così tracciati e controllati dallo spazio per garantire che transitino in modo sicuro, puntuale e rispettoso dell’ambiente. Il progetto potrebbe far diventare la tecnologia satellitare lo standard per far transitare i treni in tutta Europa.

Il Gruppo FS Italiane sta infatti installando sistemi che utilizzeranno i satelliti per controllare la velocità dei treni sulle sue linee ferroviarie e per controllare automaticamente i segnali in anticipo e rallentare un qualsiasi locomotore che stia procedendo troppo velocemente. I satelliti aggiungeranno capacità agli attuali sistemi radio a bordo binario.

I satelliti monitoreranno inoltre le distanze tra treni per evitare collisioni. Il sistema sarà più efficiente dal punto di vista energetico rispetto alle esistenti misure e pertanto migliore per l’ambiente.

I treni che percorrono il viaggio di 40 km tra le città italiane di Novara in Piemonte e di Rho in Lombardia saranno i primi a utilizzare il sistema, che è stato originariamente concepito nel 2012 e da allora è stato sottoposto a una esaustiva campagna di test.

Il progetto, denominato ERSAT, è parte di ERTMS (European Rail Traffic Management System) un’iniziativa dell’Unione Europea per integrare le diverse reti ferroviarie nazionali in un sistema coerente su scala europea. Una volta dimostrato il suo successo, permetterà alle tecnologie satellitari di essere certificate per l’uso secondo lo schema. Ciò incrementerà l’efficienza del sistema, tagliando costi e utilizzo di elettricità, e riducendo in tal modo le emissioni di carbonio.

Il progetto ERSAT è in fase di completamento in coordinamento con l’Agenzia Spaziale Italiana, con il supporto dell’ESA, e con il contributo dell’Agenzia Europea dei Sistemi di Navigazione Globale Satellitare dell’Unione Europea.

RELATED ARTICLES

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Most Popular

Recent Comments