Il Dpcm approvato dal Presidente del Consiglio Giuseppe Conte in data 4 novembre 2020 prevede una serie di restrizioni atte a ridurre la possibilità di propagazione del Covid-19. Tra di esse vi è la diminuzione al 50% della capienza massima consentita all’interno dei mezzi pubblici, eccetto, fanno sapere i deputati del Movimento 5 Stelle della Commissione Trasporti tramite una nota: “[il] trasporto scolastico dedicato”.

Continua il M5S: “In base alle nuove indicazioni contenute nel DPCM, finalizzate al contenimento dell’emergenza COVID-19 sulla base delle effettive esigenze, le Regioni dovranno disporre la programmazione del servizio in modo da evitare il sovraffollamento sui mezzi di trasporto nelle ore in cui si registra il maggior afflusso di passeggeri. E’ in questa chiave che vanno letti – proseguono – tutti quegli interventi di riduzione, sospensioni o limitazioni nei servizi di trasporto, anche quando si tratti di linee internazionali, ferroviario, aereo, automobilistico o marittimo.

Si tratta di misure eccezionali per far fronte a un periodo eccezionale. Lo scopo primario è e resta quello di tutelare la salute dei cittadini nella delicata fase che sta attraversando il nostro Paese”.

AGC GreenCom 4 Novembre 2020 22:42