giovedì, Settembre 23, 2021
HomeAttualitàLa protesta dei parchi a tema

La protesta dei parchi a tema

L’Associazione parchi permanenti italiani, che raggruppa 230 tra parchi divertimento, acquatici, faunistici, protesta contro il Dpcm del 25 ottobre, sottolineando che in quattro mesi di attività non è stato registrato alcun focolaio di contagi da coronavirus.

“Il provvedimento, del tutto inatteso, vanifica di fatto milioni di euro di investimenti sostenuti per mettere in sicurezza i parchi dotandoli di tutti i presidi, le tecnologie e le strutture necessarie per evitare assembramenti e scongiurare il rischio di contagio; investimenti che hanno permesso di operare nel pieno rispetto delle regole, senza registrare alcun focolaio in quattro mesi di attività – sottolinea in una nota l’associazione – Preoccupa molto anche la consueta promessa di adeguate misure di ristoro, che, ad oggi, si sono rivelate del tutto assenti nel caso del comparto. Dall’inizio della crisi, le aziende del settore sono state sistematicamente tralasciate dall’agenda politica e costrette ad autofinanziarsi, ricorrendo a prestiti o cedendo quote, se non l’intera proprietà, a fondi di investimento speculativi”.

«Incomprensibile la decisione di penalizzare zoo e acquari, lasciando aperti i musei: la chiusura di una realtà come l’Acquario di Genova, ad esempio, primo al mondo ad essere certificato come struttura turistico culturale, rappresenta un colpo gravissimo per l’economia di Genova e di tutta la regione Liguria, senza considerare gli ingenti costi fissi per l’azienda legati al mantenimento degli animali».

Il comparto comprende parchi a tema (come Leolandia e Mirabilandia), parchi faunistici (come l’Acquario di Genova e Zoom Torino), parchi acquatici (come Aquafan Riccione e Caribe Bay) e parchi avventura per un totale di 25mila posti di lavoro e ricavi totali per 450 milioni di euro nel 2019, cifre che salgono rispettivamente a 60mila occupati e 2 miliardi di euro di ricavi considerando l’indotto composto da hotel, ristorazione, merchandising, manutenzione e simili. Nel 2019 i parchi della Penisola hanno totalizzato oltre 20 milioni di visitatori provenienti dall’Italia, a cui si sommano 1,5 milioni di stranieri.

RELATED ARTICLES

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Most Popular

Recent Comments